Archivio (comunque indiziario) Analisi del Periodo
documenti

ANALISI DEL PERIODO: GUERNICA . Aut.Trib.17139, anno 5, numero 6, Giugno 1982 . Edizione differita . Galleria La Salita, Roma . Redazione di Maurizio  Benveduti, Tullio Catalano e Carmelo Romeo . Lavoro . Lettera da Creta . Sotto: Lettera inviata a Daniela Lancioni nel 1997 per la cura dell'archivio Liverani.
Cara Daniela, è il 1997, e dopo tanti anni provo a descriverti cosa è stata Analisi del Periodo: Guernica.
Nel novembre 1981 (a sei anni dalla morte di Francisco Franco), sollecitati dalle pagine dei quotidiani che pubblicavano la foto dell'allestimento blindato di Guernica nel museo del Prado titolando "L'ultimo dei fuoriusciti torna in Spagna" (dove per altro non era mai entrato), si decise che nell'imminente anno 82 avremmo ricordato i 45 anni dal bombardamento della città basca e dell'ultimazione del quadro di Picasso. 
Per gli inviti della Salita venne riprodotta proprio quella foto Ansa con l'eloquente primo piano di bandiera nazionale e guardia civil dal dito rattrappito sul grilletto del mitra. 
Nella galleria venne sistemato un tavolo apparecchiato con un set di affilati coltelli adagiati sopra una coperta (verosimilmente appartenuta ad una tale Mary Anne Walkley, crestaia londinese di venti anni morta di fatica nel 1863 dopo aver lavorato ininterrottamente alla confezione di cappellini per un ballo di corte). 
Sulle pareti tre singole opere di pittura sostenevano le parti in causa degli "ismi" artistici dell'epoca (cubismo, espressionismo, astrattismo) che venivano subito incalzati (e deprezzati) dalla intrusione di un solo particolare di quell'altra Guernica Sistina affrescata dalla vocazione decorativa della Storia stessa sui muri roventi di Hiroshima nell'istante atroce di una unica bomba.
Intanto dietro il tavolo, pescando da un anodino borsone caricato ad ananassi, un impeccabile cameriere tagliava ed offriva al pubblico fette di questi frutti dalla chiara allusione esplosiva, mentre una coinvolgente musica sudamericana allietava il consumo degli obici succosi evocando vaghezze conviviali da mercanti di armi. 
L'ingerenza di una mediterranea tazzina di caffè confermava comunque l'ironia sottesa alla messinscena di tale sbrigativa visita di condoglianza che ringraziava della partecipazione infilando in tasca ai convenuti le 4 pagine gialle della "Lettera da Creta", alla quale era affidato il compito di dare il benservito alle dissimulazioni della democrazia e suffragare il sospetto che i fuoriusciti non tornano mai sui luoghi dei delitti.
E allora: dov'è Guernica?
Due anni dopo, sempre alla Salita, sarà la volta di Analisi del periodo: Majakovskij. Dunque, entrambi, "analisi" non di quanto il periodo stava trattando, ma precisamente di quanto continua ad omettere. 
Spero di essere stato efficace, ma soprattutto utile per il tuo lavoro. Un saluto da Lillo.

Dunque, gli elementi in gioco erano:




Sezione 4
 Analisi del Periodo
Sfoglia testi 

Home Page